" Non smettete mai di protestare; non smettete , mai di dissentire, di porvi domande, di mettere in discussione l'autorità, i luoghi comuni, i dogmi. Non esiste la verità assoluta. Non smettete di pensare. Siate voci fuori dal coro. Siate il peso che inclina il piano. Un uomo che non dissente è un seme che non crescerà mai". Beltram Russell

venerdì 16 marzo 2012

che l'odore dei limoni torni ad inebriare le cinque terre...



I limoni

Ascoltami, i poeti laureati
si muovono soltanto fra le piante
dai nomi poco usati: bossi ligustri o acanti.
Io, per me, amo le strade che riescono agli erbosi fossi dove in pozzanghere
mezzo seccate agguantano i ragazzi qualche sparuta anguilla:
le viuzze che seguono i ciglioni. discendono tra i ciuffi delle canne
e mettono negli orti, tra gli alberi dei limoni.





Meglio se le gazzarre degli uccelli
si spengono inghiottite dall’azzurro:
più chiaro si ascolta il sussurro
dei rami amici nell’aria che quasi non si muove,
e i sensi di quest’odore
che non sa staccarsi da terra
e piove in petto una dolcezza inquieta.
Qui delle divertite passioni
per miracolo tace la guerra.
qui tocca a noi poveri la nostra parte di ricchezza
ed l’odore dei limoni.




Vedi, in questi silenzi in cui le cose
s’abbandonano e sembrano vicine
a tradire il loro ultimo segreto,
talora ci si aspetta
di scoprire uno sbaglio di Natura,
il punto morto del mondo, l’anello che non tiene,
il filo da disbrogliare che finalmente ci metta
nel mezzo di una verità.
Lo sguardo fruga d’intorno,
la mente indaga accorda disunisce
nel profumo che dilaga
quando il giorno più languisce.
Sono i silenzi in cui si vede
in ogni ombra umana che si allontana
qualche disturbata Divinità.





Ma l’illusione manca e ci riporta il tempo
nelle città rumorose dove l’azzurro si mostra
soltanto a pezzi, in alto, tra le cimase.
La pioggia stanca la terra, di poi; s’affolta
il tedio dell’inverno sulle case,
la luce si fa avara - avara l’anima.





Quando un giorno da un malchiuso portone
tra gli alberi di una corte
ci si mostrano i gialli dei limoni;
e il gelo del cuore si sfa,
e in petto ci scrosciano le loro canzoni
le trombe d’oro della solarità.


18 commenti:

  1. Speriamo veramente....un paradiso naturale martoriato dalle alluvioni.
    Grande Montale !
    Buon fine settimana !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passando con il treno, spiaggia a parte, mi pare ancora desolante. Buon fine settimana anche a te!

      Elimina
  2. Uno dei miei poeti preferiti.
    E, sì, speriamo per le Cinque Terre: ma i Liguri sono gente caparbia e tosta...ce la faranno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ermetico dall'interpretazione profonda.

      Ce la faranno, ma anche loro dovranno rivedere il modo di rapportarsi con la collina rispettando di più la lungimiranza dei vecchi.

      Elimina
  3. Ho dimenticato di dirti che ti ho lasciato nel mio spazio un premio: grazie d'essere "fedele" al mio blog e alla mia amicizia!

    RispondiElimina
  4. Le Cinque Terre sono davvero zone meravigliose, mi sono piaciute molto, mi hanno catturata.
    Mi auguro che tutto possa risolversi e che ognuno faccia il suo dovere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal Mare sono particolarmente belle. Preferisco i sentieri .... per ognuna di esse è una impresa attraversarle, ci vuole tempo.

      Elimina
  5. Una zona stupenda! L'ho vista solo una volta e sarebbe proprio il caso di tornarci con più calma, anche per farle godere a mia figlia :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se puoi conducila questa estate, l'economia ha bisogno di turismo. Non tutte le Terre sono state colpite come Monterosso e Vernazza. Ti consiglio di Iniziare da Portovenere Campiglia per poi visitare la prima Riomaggiore.

      Elimina
  6. Purtroppo in questo paese, passata l'emergenza, l'emozione per le strade trasformate in fiumi di fango e lo sdegno rituale di fronte alle vittime e alle distruzioni per l'incuria colpevole nella gestione dei territori, tutto si dimentica alla svelta, compresi gli interventi per la ricostruzione. Spero non sia il caso delle Cinque terre...
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'allentamento dell'interesse si denota già, come sempre accade, pare quasi una inebriazione che prende il cittadino di fronte alle catastrofi. C'è un metodo... rimboccarsi le maniche e ricominciare.

      Elimina
  7. Molti mesi ci dividono dalla brutta stagione; c'è ancora del tempo per tentare di prevenire. Riguardo ai liguri non ho dubbi che pur di salvaguardare la loro terra si sforzeranno di assumere un atteggiamento di maggior rispetto verso quelle montagne che la natura sembra aver messo lì a protezione di quelle coste

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse verrà un giorno ... non credo vicino.

      Elimina
  8. Auguri per il futuro prospero, di limoni e di buone cose fatte con il cuore...bellissimo Montale, non potevi trovare di meglio!
    bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le foto che ritraggono i tuoi le ricordo molto bene...sono stupende...pare quasi ne giunga la fragranza.

      Elimina
  9. Che posti stupendi, non oso pensare come stanno adesso! redcats

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non stanno bene, le genti si danno da fare ma sarà dura.

      Elimina