" Non smettete mai di protestare; non smettete , mai di dissentire, di porvi domande, di mettere in discussione l'autorità, i luoghi comuni, i dogmi. Non esiste la verità assoluta. Non smettete di pensare. Siate voci fuori dal coro. Siate il peso che inclina il piano. Un uomo che non dissente è un seme che non crescerà mai". Beltram Russell

mercoledì 7 marzo 2012

parità....



8 marzo.....

.....ottenere per ogni cittadino la reale parità nei diritti quanto nei doveri, ecco dove poso l’accento lasciando da parte la difesa di genere. La condizione femminine nel mondo occidentale ha compiuto passi importanti l’Italia ne fa parte. L’emancipazione, quella vera, passa attraverso due canali: la cultura e il lavoro, prerogative che fino a pochi decenni fa appartenevano agli uomini. Quando puntualmente il calendario  si avvicina all’8 Marzo si alzano scudi a favore e difesa della donne. Pura ipocrisia. Dibattiti e mimose spuntano ad ogni angolo reale o mediatico. La violenza non risparmia né donne né uomini, violenza non significa solo sesso violento. Non mi piace soffermarmi su fatti delittuosi a carico delle donne perché proprio su quei fatti criminali la stampa e i media concentrano gli interessi., notizie che rendono di più in termini di vendita ed ascolti. Al centro cosa c’è? Il sesso rubato o preteso coniugale o di relazione al buio. Come se queste cose fossero il prodotto dei costumi moderni. In passato era molto peggio ma non si sapeva. Uomini morbosamente gelosi e violentatori sono roba vecchia. Costoro sono omuncoli vigliacchi incapaci di ottenere spontaneamente il consenso dell’altro sia nel rapporto fisico che nel dialogo statene certi non si estingueranno facilmente. Malati di una sorta d’impotenza scelgono persone fragili ed indifese e su queste sfogano le proprie frustrazioni. Sarebbe bello fermarsi a riflettere del perché esistono personalità tanto complesse e pericolose. Gli stizzacervelli, contortamente, ci indirizzerebbero alla figura materna.  Durante la mia vita ho conosciuto uomini e donne: pochi stronzi tante stronze. 


(mia foto mobili bambole Carrara con cui mi diverto)

Avete voglia e tempo per sorridere? 
Leggete questa paginetta tratta da un vecchio libretto che ho in casa.







VANNA PICCINI


SCRIGNO D'ORO
(1937 costo lire 5)





i test andavanono di moda anche allora
è un gioco di coppia del 1937...attuale?

DIFETTI

1)lenta nell'andare a letto si attarda finchè il marito è quasi addormentato;

2)non ama i bambini;

3)non cuce i bottoni nè rammenda i calzini;

4)indossa vestiti sporchi o sgualciti e grembiuli di casa;

5)usa lo smalto per unghie rosso;

6)arriva spesso in ritardo agli appuntamenti;

7)cuce storto gli orli dei pantaloni;

8)va a letto con i bigodini nei capelli e la crema sul viso;

9)di notte si riscalda i piedi a quelli caldi del marito;

10)in macchina dà indicazioni non richieste al marito e critica la sua guida;

11)flirta con gli altri uomini alle feste o al ristorante;

12)è sospettosa e gelosa.

PREGI

1)è una buona padrona di casa anche con gli ospiti inattesi;

2)serve i pasti in orario;

3)intrattiene delle conversazioni interessanti;

4)sa suonare uno strumento musicale, come il pianoforte o il violino...;

5)si veste per far colazione;

6)tiene la casa ordinata e pulita;

7)mette a letto i bambini ogni sera;

8)non va mai a letto nervosa e si trucca sempre prima;

9)chiede l'opinione del marito riguardo a scelte importanti o acquisti da fare;

10)ha un buon senso dell'umorismo allegra e vivace;

11)è religiosa va e manda in chiesa i figli e la domenica all'oratorio;

12)lascia dormire fino a tardi il marito la domenica o in vacanza.

          

26 commenti:

  1. Mi sa che se fossi stata donna adulta a quei tempi non me la sarei cavata tanto bene (vabbè che anche essendolo attualmente non è che i miei pregi superino i miei difetti :\)
    Penso che le donne di oggi non rappresentino bene il cuore di quelle donne per le quali un giorno venne istituita questa festa.

    Oggi cara amica (e sappi che do a questa parola un valore molto alto)ho passeggiato con mia figlia al sole, in riva al mio amatissimo mare. Abbiamo preso un caffè insieme e abbiamo parlato tantissimo e riso. Poi abbiamo pranzato insieme e presto berremo il caffè. Un'ora fa è anche passato da noi il fioraio e ci ha lasciato un mazzo bellissimo di rose gialle. Era indirizzato a lei. C'era scritto: al mio amore, alla sua mamma e a sua sorella. E lei è stata felicissima di condividere questo dono con noi. Mi sono sentita fortunata oggi ad essere la donna che sono e ad avere per figlie due donne così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice per te, il ragazzo deve essere un giovane sensibile.. Quel Cara te lo dedico con tutto l'affetto.

      Elimina
  2. Forse conoscerci attraverso i nostri scritti fa della stima, spero reciproca, che proviamo un sentimento di serie B? Io non credo, per questo penso di poter affermare con certezza che tu faccia parte di quella schiera di Donne che portano in altro in alto la nostra categoria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono affatto sentimenti di seconda categoria. Chi è sincero veramente e tiene in affetto il genere umano non sa mentire o simulare

      Elimina
  3. :))) anche il 9 Marzo, eh!

    RispondiElimina
  4. Concordo al 100%
    Per il test ...ho troppi pregi o sono vecchia o sono santa :)))

    ciao Carla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frà quel test l'ho già usato in passato. Il prodotto di tanto comportamento, preteso ed accettato, è causa del nostro malessere odierno e della nostra difficoltà ad ottenere quella parità che ci spetta.

      Elimina
  5. In quanto insegnante che ha visto ed educato (cercato di educare) tanti bambini, posso dire che la figura materna è determinante, ma la mancanza di una figura paterna con gli "attributi" determina problematiche assai significative. Quindi direi che c'è un concorso di responsabilità nella creazione di personalità disturbate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido Lella, non a caso il riferimento agli strizza cervelli. L'ambito scolastico ed educativo, italiano, è costituito quasi esclusivamente da donne, nido,materna,elementari. Ciò lo considero in errore. Ho lavorato dieci anni all'asilo nido. La figura maschile è importante, direi indispensabile, nell'età evolutiva. Quando mio figlio frequentava Scienze della Formazione Primaria presso l'Università di Torino i ragazzi si contavano sulle dita di una mano... il secondo anno era rimasto solo lui.

      Elimina
  6. Sì, è chiaro che una volta era peggio, e che l'8 marzo è una delle feste più ipocrite che esistono, al pari di San Valentino. Così come è chiaro che tutti dobbiamo avere rispetto delle donne (ma anche degli uomini, degli anziani, dei bambini e degli animali), l'8 marzo, ma anche il 9, 10 e tutti gli altri giorni! La speranza è che le giovani leve diventino più rispettose verso gli altri...vedremo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispetto reciproco. Male quando l'uomo usa la forza fisica o psicologica contro la donna... altrettanto male quando la donna si abbandona prona nel venir usata.

      Elimina
  7. Mi ha molto colpito il punto 7 dei pregi :
    "Mette a letto i bambini ogni sera "
    Ma che brava !! Io credevo che i bambini si buttassero fuori la notte e non che si mettessero a letto ;)
    Vabbè che ervamo nel 1937 ,ma erano veramente tempi dove la donna era considerata zero,non che oggi sia molto migliorata dato che si sente l'esigenza di dedicarci un giorno!Qualche passettino si è fatto,ma la strada è ancora lunga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A letto i bambini ce li deve mettere anche il babbo, così come li deve accudire in ogni bisogno. La distribuzione dei compiti deve venir assolta a seconda degli "accordi" interni alla coppia e secondo le peculiarità di ciascuno. Le responsabilità al 50%. Ma quante donne sono veramente propense a lasciare all'uomo determinati compiti o responsabilità?

      Elimina
  8. I diritti come i doveri dovrebbero essere sempre uguali per uomini e donne, ma non sempre è così.
    Il librino è molto carino, anche se datato è attuale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Giio. Sapessi quante cose interessanti ci si può trovare. Leggendo ci si diverte anche. Se ti va prova a pormi una domanda su un tema ... scommetto che troverei da copiare integralmente ciò che farebbe al caso.

      Elimina
  9. PARITA', MA SOPRATTUTTO RISPETTO E DIGNITA'PER LA PERSONA...
    Il test, molti pregi e pochi difetti, ahah, sono una brava "MASSAIA" per il momento!!!
    Ciao CARLA, buon uichend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. massaie per scelta mica per schiavitù!!!! buon fine settimana anche a te

      Elimina
  10. Anch'io ho conosciuto più stronze,le donne quando ci si mettono sono perfide...
    Auguri Carla tanti abbraccioni e bacioni smuack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perfide e in buona parte invidiose. Mi chiedo poi di che cosa. L'invidia è brutta roba già quando la si applicata verso tutti, quando ciò avviene nei confronti delle sue simili è una boiata. Capisco la gelosia (moderata) quella attiene agli affetti.

      Elimina
  11. Penso che la stronzaggine sia equamente distribuita .
    Qualche passo avanti dal '37 allora lo abbiamo fatto????????redcats

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi proprio di si. Pur avendo vissuto gli anni del dopoguerra, non dissimili dagli anni del test, la guerra aveva fatto comprendere poco, unico acquisto il diritto al voto.

      Elimina
  12. Brava cara Carla, concordo pienamente: meglio oggi di ieri, anche se c'è ancora tanta strada da fare.
    Pero' basta dare addosso a questa ed altre feste, devono essere semplici occasioni per festeggiare ed onorare qualcuno, e chi vuol cogliere questa... scusa, lo faccia e basta! :-)

    ... e poi, se serve a far nascere considerazioni come le tue... ;-)

    www.wolfghost.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wolf il test è orribilmente osceno. Purtroppo da quella cultura nacque il "dissesto" e la ribellione. Vada per un giorno in cui far baldoria ....

      Elimina
  13. E' vero , brava Carla! ben venga tutto quello che ci fa pensare e ricordare e parlare di noi donne e perchè no, anche degli uomini..di tempi andati, del presente, dell'avvenire, dei nostri valori e dei nostri sorrisi, ben venga tutto quello che ci fa pensare, riflettere e riconsiderarci.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scrivi bene Ale il "trio" pensare riflettere e conosiderarci salverà le future Donne.

      Elimina